1993: Showview il codice che programmava il timer del videoregistratore

Showview era un dispositivo esterno o integrato nel videoregistratore che consentiva tramite l’inserimento di un codice univoco l’impostazione del timer.
L’utente così evitava di inserire i seguenti dati: numero canale, data, orario di inizio e di fine a vantaggio di un solo codice.
Le uniche operazioni preliminari necessarie per usare lo Showview era la sincronizzazione dei canali e l’uso di batterie stilo per l’alimentazione.


In Italia lo Showview venne lanciato da JVC nel 1993 e i suoi codici venivano pubblicati sui principali quotidiani e riviste di tv nonché erano reperibili sulle pagine di Televideo Rai limitatamente ai primi nove canali nazionali (tali codici erano nascosti e bisognava premere il tasto col simbolo di un punto interrogativo).
Lo Showview, nel corso degli anni, venne integrato anche alle nuove tecnologie: satellite e digitale terrestre.

 

Agli inizi la numerazione dei canali era la seguente:

  • 001 Rai Uno
  • 002 Rai Due
  • 003 Rai Tre
  • 004 Rete 4
  • 005 Canale 5
  • 006 Italia 1
  • 007 TMC Telemontecarlo
  • 008 Rete A
  • 009 Videomusic (dal 1996 TMC2)
  • 010 Italia 7
  • 011 Cinquestelle
  • 012 Odeon Tv
  • 013 Tele +1
  • 014 Tele +2
  • 015 Tele +3

Le prime 9 posizioni erano occupate da canali nazionali in chiaro, dal 10 al 12 dai tre principali circuiti nazionali associate a varie tv locali e dal 13 al 15 dalla nascente pay tv italiana Telepiù.

Come si usava lo Showview

Bisognava verificare che i canali memorizzati sul videoregistratore corrispondevano ai codici Showview. Poi si digitava il codice del programma Showview da registrare e si decideva la periodicità, premendo il rispettivo tasto, una volta per registrazioni univoche, Sett. per registrazione dello stesso programma ogni settimana alla stessa ora e Giorn. per registrare la trasmissione ogni giorno, dal lunedì al venerdì. Il videoregistratore – ed eventualmente il decoder Telepiù – andava spento diversamente dal ricevitore/decoder satellitare che doveva rimanere acceso.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *